Il paese a cui tornare

female-tourists-hand-have-happy-travel-map_1150-7411

Se abiti in un paese
hai un paese a cui tornare

se te ne dovessi andare
fra strade sconnesse, grandi capitelli sostenuti da niente
la luce selvaggia, l’orizzonte disegnato a matita.
Passi lunghi e posati
maniche arrotolate
il cappello sulle ventitré.

Per molti anni non sapresti quanto ti manca
il paese.
Riempiresti ogni vaso di fiori, ogni scaffale di libri
giocheresti il gioco del ti conosco, e ti riconosco.

Molti bar dai tavolini lucidi, dal gestore distratto o troppo invadente
insegne a neon, sorprese che allargano i pensieri
un parrucchiere nuovo; molte nuove occasioni.

MV5BZGEzNWM5NmEtNWJiNC00ZDExLTg0NGYtOTk5YTg1ZmZiNzM4XkEyXkFqcGdeQXVyMjUyNDk2ODc@._V1_

Non potresti prevedere quella fitta al petto, un giovedì qualsiasi
quando il tuo paese si farà avanti all’improvviso
gonfio di pioggia, di premonizioni
di odori pazzi di fieno tagliato, e riposto in mucchi ordinati.

Si toglierà la giacca venendoti incontro, con gli occhi lucidi
promettendo un abbraccio, vibrando di un sorriso astrale.

Non farai in tempo a sfiorarlo, a spiegarti: sarai già altrove,
tornata al tuo paese senza scarpe né borsa
una stella cometa
un semaforo interrotto
una bevanda ghiacciata sorbita in fretta.

Tanto amore nel viso chiuso,
lo splendore di un bacio non dato
il biglietto girato con un nome annotato.

 

MV5BMGI4YzAyY2ItNzdlOC00N2EyLTg5YTgtY2NlNWQ3NmQ2ZmQ0XkEyXkFqcGdeQXVyNjc3NDgwNzU@._V1_

La bambina che ti aspettava con le braccia
già aperte, e stringeva il tuo corpo per sempre.
Anche quello era stato un paese.

2 pensieri riguardo “Il paese a cui tornare

  1. E’ decisamente una meraviglia perché fin dalle prime parole, mi ha preso per mano, di nuovo, mi sono sentita nel mio lontano paese, anzi nella mia incantevole città: Venezia, culla della mia infanzia e della mia adolescenza.
    “Se te ne dovessi andare
    fra strade sconnesse, grandi capitelli sostenuti da niente
    la luce selvaggia, l’orizzonte disegnato a matita
    passi lunghi e posati
    mani arrotolate
    il cappello sulle ventitré”
    Quante volte ho vissuto questo momento?
    Eppure grazie alle tue parole, si riscopre sempre una parte di noi stessi che a volte ci dimentichiamo.
    Un abbraccio
    Adriana

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...